Javascript DHTML Drop Down Menu Powered by dhtml-menu-builder.com

..::[ Impianto GPL ]::..
GAS PROPANO LIQUIDO


[In Fondo le FAQ dal sito BRC]

The Basics...

Ci ho pensato su parecchio: alla fine, conti alla mano non esiste motivo per NON farlo. La scelta è caduta su chi di professione (e di ottima fama da anni) installa seriamente impianti GPL con componentistica BRC di ultima generazione. Avevo tanti dubbi, un pò per via dell'età dell'auto (già oltre 7 anni) un pò per la spesa da affrontare: 2100€ ma con 350€ di incentivi che spero di stornare prima della morire, insomma... fatti due conti alla mano, fosse anche solo per il fatto di ripagarselo, giustifica l'opera.

Il commutatore, è sistemato nel punto più congeniale e visibile, potenzialmente lo rilocherò da qualche altra parte ma tutto sommato non è affatto male anche lì sotto nel vano portaoggetti, che dopo una vita passata a metterci sempre e solo un pacchetto di fazzoletti non ho ancora capito ben bene a cosa potrebbe servire... vabbhè se proprio volevo fare un lavoro ad arte, potevo prenderne uno ad incasso ma con la plancia tutta curva non avrei un vero posto utile in cui metterlo. Per cui va bene così.

La partenza del motore è SEMPRE a Benzina, che ora vedrà segnare per più tempo verso il serbatoio pieno, e la commutazione a GPL è automatica non appena la temperatura dell'acqua arriva a 35°C (quindi in sostanza in pochissimo tempo, meno di un km se in marcia in condizioni normali.. sui 2/3 secondi se partenza a motore caldo) 3 led di STATO sulla destra che indicano la corrente alimentazione:
ROSSO (sempre e comunque all'avvio del motore) indica alimentazione a BENZINA
ARANCIONE (dura un secondo max due) indica la commutazione in atto verso il GPL
VERDE (e ci resta fino a fine serbatoio GPL) indica l'alimentazione a GPL

L'interruttore serve se la vota occorresse impostare manualmente l' ALIMENTAZIONE a BENZINA nel caso ci possa essere qualche malfunzionamento nell'impianto GPL e doverlo bypassare.

Una volta finito il GPL, la commutazione a benzina è automatica accompagnato del segnale sonoro che avvisa appunto la bombola vuota.

Una cosa che mi è piaciuta parecchio è la sistemazione della valvola per fare GPL: Mentre una volta c'era quell'odiosa borchia nel paraurti a dir poco orrenda, col tempo anche verniciata in tinta ma sempre brutta da vedere (per quanto comoda da usare) ora la valvola è stata messa a fianco dell'imbocco del serbatoio a benzina, in modo da restare riparata e invisibile: ora giro (come tutti) con l'adattatore (comunque standard DISH) pronto per essere avvitato e ospitare la "pistola" del GPL per il rifornimento.

Il Baule

La cosa successiva che viene da pensare è: cosa è cambiato oltre al commutatore e al fatto che il GLP si mette sempre dallo sportello della benzina ? Il Vano bagagli. Ovvio. Senza ruota di scorta si è in contravvenzione (come essere anche senza triangolo ecc.) ma è comunque sostituibile con il kit ripara gomme (circa 30/40€).. ma a conti fatti, è 7 anni che il baule è perennemente vuoto, quindi anche se lo avrei riempito volentieri con secondo SubWoofer :) non sento affatto la mancanza di spazio nel baule. Tanto non ho l'abitudine di mettere la spesa dietro o altro.. sennò rischio sempre di dimenticarmelo dentro per sempre :)

Nel piccolo, è bello vedere che hanno avuto un minimo di riguardo nel insaccare la gomma in una comoda e robusta custodia in sintetico tipo cordura. Con tanto di annesso strap (velcro) per attaccarsi alla moquette nera e restare ferma lì, senza rimbalzare a destra e sinistra come una pallina da flipper. Così resta un lavoro pulito. E il bello ancora di più sta che nel rialzare il piano (dove era la gomma di scorta prima) di circa 2cm il Sub è fortunatamente rimasto in misura (di altezza) da poter chiudere la cappelliera senza problemi di sorta. Ecco dov'è la bombola toroidale:

come dicevo, sono stato messi degli spessori in legno sotto la cover originale (verniciati di nero per comparire meno antiestetici) per tener areato la sede stessa, a fianco (noto ora dalle foto :) la scatola per un primo soccorso che presi (e che mi ero dimenticato di avere) il triangolo (per legge).. e spero che da qualche parte ci sia pure la chiave a stella per smontare la ruota con annesso crick... ma sono sicuro che avranno riposto tutto come era meglio fare.

The Heart

Le ultime due foto.. ma le più importanti: Ecco cosa è cambiato sotto il cofano: ringraziando di poter sfruttare la barra duomi come appoggio per alcune cose e tenere meglio il passaggio di alcuni tubi/cavi, questo è il blocco principale che porta il gpl dal baule su lungo il filtro (quel cilindro lì davanti che costa una 30ina di euro cambiarlo) e che viene smistato nei 4 cilindri. Mi ricordo che una volta le 4 vie ingabbiavano tutto la testata motore, mentre ora il modulo è estremamente compatto, fissato bene sul coperchio delle candele. Da fuori si vede il blocchetto e in parte il filtro perchè sono quasi dritto per dritto alla presa d'aria del cofano :)

Questo è uno dei pochissimi angoli vuoti nel cofano del Coupe che ora è stato ben riempito. Avevo già capito che bisogna imparare bene a sfruttare gli spazi, per fissare Relè, fusibili o non lasciar correre guaine o tubi senza accortezza.. infatti ho visto come si son adatatti a imbullonare bene i vari dispositivi e a far correre persino dentro un tubo corrugato tutto il cablaggio principale per tenerlo più compatto, ordinato e riparato, lasciandolo attraversare (dove non is vede) il cofano da destra a sinistra. Questo è davvero un ottimo cablaggio che dimostra come chi l'ha fatto SA davvero far bene il suo lavoro (oppure è una vita che lo fa!)

Lascio di seguito i PRO che mi hanno convinto (a me personalmente) nell'optare per il GPL

  • Costo Complessivo Impianto ammortizzato circa in un anno (con i Km che faccio almeno io) per cui oltre, tutto quello che viene è sicuramente guadagnato.

  • Costo GPL contenuto (attualmente costo per llitro è sui 0,650 cent contro 1,370 Euro della benzina) + (Agli stessi Km il costo è la metà, o pochisismo di più)

  • Impianto Aggiornato e Moderno che non strattona il motore nel cambio alimentazione e che è tutto Automatico senza problemi anomali nella centralina.

  • Nessuna Perdita Prestazionale al motore (nominalmente al massimo un 3% che è difficile ad ogni modo apprezzare alla guida)

  • Emissione RIDOTTE con annessa autorizzazione come per gli Euro4 alla circolazione nelle giornate chiuse al Traffico

  • Omologazione per parcheggio interrati.

  • Rifornimento GPL ormai comune e molto diffuso (più del metano) in quasi tutte le stazioni di Benzina

  • Autonomia Aumentata Benzina + GPL stimabile complessivamente sui 1000Km

Il merito lo riconosco e lo premio citandolo: La ditta che mi ha installato l'impianto GPL è QUESTA

 

ASPETTI GENERALI & FAQ - info dal sito BRC

COS’È IL CARBURANTE GPL?
La denominazione GPL deriva dall’acronimo di Gas di Petrolio Liquefatti. A livello internazionale si usa la sigla LPG. È un prodotto di raffinazione del greggio, ed anche un Gas Naturale, proveniente dai giacimenti petroliferi. Il GPL è un idrocarburo con composizione piuttosto complessa, ma principalmente costituito da propano e butano.
QUALI SONO LE CARATTERISTICHE PECULIARI DELL’ALIMENTAZIONE DEI VEICOLI A GPL?
Impiegato in auto-trazione il GPL conferisce alle auto ottime prestazioni in termini di potenza, elasticità e buon funzionamento del motore. Previene un prematuro logoramento del motore, allunga la durata delle candele, delle valvole e dei pistoni e mantiene inalterate più a lungo le proprietà dell'olio motore. Per le vetture a benzina e a gasolio è diffusamente riconosciuto che i due principali elementi inquinanti sono gli ossidi di carbonio, gli ossidi di azoto ed il particolato (particelle microscopiche contenenti un mix di elementi chimici – solo per i motori diesel), che rappresentano ancora un grosso problema da risolvere. Il GPL ha emissioni di ossidi di carbonio ed azoto molto inferiori rispetto ai motori benzina e nel caso di ossidi di azoto e particolato inquina circa il 90% meno rispetto a qualsiasi vettura diesel.

ASPETTI TECNICI

COME VIENE RIFORNITO IL VEICOLO ALIMENTATO A GPL E QUANTO TEMPO SI IMPIEGA?
Il rifornimento di un autoveicolo a GPL si effettua agganciando l'apposita pistola al bocchettone di carica dell'automezzo (posizionato a seconda dei casi sul paraurti posteriore o nello sportellino di rifornimento benzina), diverso a seconda dei paesi. E’ bene, prima di mettersi in viaggio in un paese straniero, controllare se il bocchettone di carica in uso è adeguato: altrimenti sarà necessario dotarsi della prolunga di carica idonea.
QUALE AUTONOMIA HA LA VETTURA TRASFORMATA CON IMPIANTO A GPL?
Il calcolo va eseguito caso per caso partendo dalla dimensione del serbatoio (la sua capacità in litri è stampigliata sullo stesso). Per motivi di sicurezza le normative prevedono il riempimento all’80% della capacità del serbatoio. A titolo di esempio in un serbatoio da 60 litri è possibile stoccare 48 litri effettivi di GPL. Se si ipotizza per esempio di percorrere mediamente 10 km con un litro di GPL (equivalente alla percorrenza di circa 12 km/l a benzina), l'autonomia sarà intorno ai 480 km. (Nel mio caso attorno ai 420 Km d'inverno con una differenza potenziale di +30Km d'estate)
PERCHÉ PUÒ ACCADERE CHE L'AUTONOMIA DI UN AUTOMEZZO POSSA VARIARE DA UN PIENO ALL'ALTRO?
Differenti condizioni di guida ed in taluni casi la differente composizione chimica del GPL possono influenzare molto i consumi. E' importante quindi paragonare i consumi a parità di utilizzo.
E’ VERO CHE L’IMPIANTO GPL DANNEGGIA IL MOTORE?
L’impianto GPL non danneggia assolutamente il corretto funzionamento del motore, anzi ne allunga il periodo di vita.
SI PUO’ TRASFORMARE A GPL IL VEICOLO….. TURBO…. CATALITICO… 3 o 8 CILINDRI?
La BRC Gas Equipment dispone di sistemi di alimentazione a GPL compatibili ed omologati con quasi tutte le tipologie di motorizzazioni che equipaggiano le vetture presentati sul mercato. Si possono di conseguenza trasformare a GPL, senza alcuna complicazione di natura tecnica, quasi tutte le auto alimentate originariamente a benzina siano queste a carburatore, ad iniezione non catalizzata ed ad iniezione catalizzata, anche sovralimentate.
Si consiglia comunque di recarsi presso un officina BRC che verificherà nel dettaglio la tipologia di motore e fornirà informazioni specifiche.
QUAL’E’ LA PERDITA DI POTENZA DI UN MOTORE TRASFORMATO A GPL?
Nel caso degli impianti più moderni (iniezione di gas multipoint sequenziale fasato BRC SEQUENT) la differenza di prestazioni nell'uso pratico dell'autoveicolo è inavvertibile alla guida (dell’ordine del 2-3% di perdita potenza), mentre diviene più sensibile nel caso degli impianti meno evoluti (impianti tradizionali a miscelazione).
COME VARIANO I CONSUMI UTILIZZANDO IL GPL?
E' nella natura del GPL avere una energia specifica minore della benzina; l'aumento di consumo si attesta sul 20%.
NONOSTANTE I POSITIVI ASPETTI ECONOMICI ED ECOLOGICI DEL GPL, DIMINUISCE LO SPAZIO NEL BAGAGLIAIO?
E’ bene sottolineare che sull’autovettura è possibile installare due tipologie di serbatoio GPL: il serbatoio toroidale ed il serbatoio cilindrico. Nel primo caso è norma installare il serbatoio nel vano ruota di scorta (interno od esterno al veicolo) salvaguardando del tutto il bagagliaio della vettura. Il serbatoio cilindrico viene invece generalmente posizionato nel baule della vettura e quindi andrà parzialmente a limitare la capacità di carico della vettura a seconda delle dimensioni.
GLI IMPIANTI A GPL NECESSITANO DI UNA PARTICOLARE MANUTENZIONE?
Non c’è bisogno di una particolare manutenzione, si consiglia di attenersi a quella prevista nel libretto di uso e manutenzione del sistema.

ASPETTI ECONOMICI

QUAL È INDICATIVAMENTE IL PREZZO DEL GPL?
Il GPL che viene erogato nei punti di rifornimento è misurato in litri. Un litro di GPL costa mediamente dai 0,650 a 0,680 Euro. Per contro un litro di benzina verde costa mediamente 1,350 Euro.
QUANTO COSTA MEDIAMENTE LA TRASFORMAZIONE DA UN'ALIMENTAZIONE A BENZINA AD UN'ALIMENTAZIONE BENZINA-GPL (BI FUEL)?
Il costo di una trasformazione a GPL è influenzato da molti fattori, quali l’alimentazione originaria del veicolo (carburatore, iniezione, ecc.), la tipologia di impianto installato (tradizionale, iniezione fasata. ecc.), il tipo di serbatoio, ecc. Per fornire comunque un’indicazione numerica, il costo medio di una trasformazione, considerando di installare un serbatoio cilindrico, si aggira su: 800,00 € per auto a carburatore o iniezione EURO 0 o EURO 1 ai 1.200,00 € per auto ad iniezione con controllo della carburazione EURO 0 o EURO 1
1.650,00 € per auto catalizzata con sistema ad iniezione gassosa; 1.800,00 € per auto catalizzata con impianto ad iniezione sequenziale fasata. Questi valori sono puramente indicativi e non comprendono extra per il serbatoio toroidale (ca. 100,00 Euro), per l’indicatore di livello (50,00 €), collaudo (110,00 € se l’auto è oggetto di incentivi, 80,00 € se l’auto non usufruisce di incentivi). Per il prezzo preciso della trasformazione si consiglia di rivolgersi ad un installatore BRC.
ESISTONO DEGLI INCENTIVI ECONOMICI SE TRASFORMO IN UN SECONDO TEMPO UN VEICOLO ALIMENTATO A BENZINA ?
La Finanziaria 2007 (LEGGE 24 novembre 2006, n. 286 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, recante disposizioni urgenti in materia tributaria e Finanziaria) autorizza la spesa di 50 milioni di euro l’anno dal 2007 al 2009 per interventi finalizzati a incentivare l’installazione di impianti a GPL o a metano su veicoli euro 0 o euro 1 (incentivo di 350,00 € a vettura) o su veicoli che siano stati immatricolati da meno di 3 anni (incentivo di 650,00 € a vettura).
La stessa Finanziaria prevede anche che veicoli Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4, trasformati a GPL o metano anche precedentemente la data di entrata in vigore della presente legge finanziaria, mantengano la stessa tariffa pagata nel 2006 per la tassa automobilistica, senza introduzione di alcuna maggiorazione. Esistono inoltre una serie di PROVVEDIMENTI LOCALI e di altri incentivi (I.C.B.I per veicoli Euro 2 ed Euro 3, Progetto Metano, ecc.) che agevolano gli utilizzatori di veicoli a GPL o Metano. Per tutti i dettagli su tali provvedimenti si rimanda ai siti www.ecogas.it o www.federmetano.it o si consiglia di rivolgersi ad un installatore BRC.
E’ POSSIBILE CIRCOLARE CON VEICOLI ALIMENTATI A GPL NEI PERIODI DI RESTRINZIONE DEL TRAFFICO?
Grazie alle bassissime emissioni inquinanti, i veicoli a GPL possono circolare liberamente nei centri storici anche nei periodi di restrizione del traffico, salvo diversa indicazione.




LA SICUREZZA

E’ CONSENTITO PARCHEGGIARE IL VEICOLO, ALIMENTATO ANCHE A GPL, NEI BOX INTERRATI O NEI GARAGE PUBBLICI? ESISTONO ALTRE RESTRIZIONI?
Tutti i veicoli dotati di un impianto GPL successivo al 2002 (e quindi rispondente alla normativa ECE/ONU 67/01) possono parcheggiare fino al primo piano interrato delle autorimesse, anche se comunicante con altro piano sottostante. Per quanto riguarda i veicoli a GPL, non dotati di sistema di sicurezza conforme al R. 67/01, continuano a poter sostare nelle autorimesse soltanto nei piani fuori terra non comunicanti con piani interrati.
Per quel che riguarda invece il trasporto via mare con traghetti, le autovetture alimentate a GPL vanno dichiarate al momento della prenotazione del viaggio. E’ altresì importante informare gli ufficiali addetti all’imbarco dei mezzi, i quali provvederanno a collocare l’auto in un luogo riservato alle autovetture a GPL. Oltre a ciò nessun divieto è previsto per quel che riguarda il trasporto delle vetture via aerea e via rotaia. Non sussistono inoltre divieti di transito in gallerie, trafori e viadotti.
COME SI PUÒ VERIFICARE LA CONFORMITÀ DELL'IMPIANTO GPL AL REGOLAMENTO ECE/ONU 67-01?
Sulla carta di circolazione deve essere indicata la dicitura: "IMPIANTO DOTATO DI SISTEMI DI SICUREZZA ECE/ONU 67.01".
CHI HA INSTALLATO L'IMPIANTO GPL SUL PROPRIO AUTOVEICOLO PRIMA DEL 1° GENNAIO 2001 E QUINDI CON OGNI PROBABILITÀ NON È IN REGOLA CON IL REGOLAMENTO ECE/ONU 67/01 A QUALE NORMATIVA DEVE FARE RIFERIMENTO? DEVE QUINDI RINUNCIARE A PARCHEGGIARE NEI GARAGE INTERRATI?
Fa riferimento al Decreto 1 febbraio 1986, che permetteva il parcheggio degli autoveicoli a GPL solo nei piani fuori terra non comunicanti con pianti interrati. Questo non significa che debba rinunciare a parcheggiare nei garage interrati, perché può decidere di adeguare il proprio impianto alla normativa europea con una spesa abbastanza contenuta ed un fermo macchina piuttosto breve. Dovrà infatti rivolgersi ad un'officina di installazione per sostituire il serbatoio e il gruppo valvole, con un costo medio di circa 200 - 300 euro a seconda che venga installato un serbatoio tradizionale oppure un toroidale, per intenderci la ciambella che viene inserita al posto della ruota di scorta.??
E' NECESSARIO RIPETERE IL COLLAUDO?
E' necessario un aggiornamento della carta di circolazione che è possibile fare recandosi presso gli uffici DTT (ex Uffici Provinciali Motorizzazione Civile) o personalmente o incaricandone, dopo l'adeguamento, l'installatore di fiducia.
A QUALI OBBLIGHI DI LEGGE E’ SOTTOPOSTO IL SERBATOIO GPL DELL’AUTOVEICOLO ?
Ogni serbatoio contenente GPL per auto-trazione deve essere sostituito dopo 10 anni dalla data di collaudo. Le operazioni di smontaggio, rimontaggio e collaudo devono essere eseguite da un officina autorizzata.
AL MOMENTO DELLA SOSTITUZIONE DECENNALE DEL SERBATOIO COSA SUCCEDERÀ?
Verrà installato (lo richiedono le norme vigenti) un serbatoio con apparati di sicurezza rispondenti alla ECE/ONU 67-01 e, di conseguenza, la vettura sarà abilitata al parcamento anche al primo piano interrato.
E’ VERO CHE IL GAS E' PERICOLOSO?
Tutti gli impianti devono essere collaudati presso l'ufficio provinciale del Dipartimento dei Trasporti Terrestri. I serbatoi devono superare severissimi test di resistenza con pressioni circa dieci volte più alte di quelle di esercizio. In caso di incidente il serbatoio diventa un elemento di irrobustimento alla cella dell'abitacolo. Le nuove norme recepite in Italia e in Europa garantiscono standard di sicurezza elevatissimi, anche superiori agli impianti di alimentazione a benzina e gasolio.